Logo Rai3


Correva l'anno

La cronaca nera negli anni 70 – Vivere nella paura

in onda Giovedì 18 settembre 2014 alle 24:05

di  Rosanna Lo Santo

RIVEDI LA PUNTATA >>

Nella politica, nel costume e perfino nella cronaca nera gli anni Settanta segnano grandi cambiamenti in Italia. In questa puntata di CORREVA L’ANNO quattro casi di efferata violenza che scorre nel quotidiano, quattro casi che hanno segnato un’epoca.

A tratteggiare il filo rosso che li unisce gli interventi del grande scrittore e sceneggiatore Vincenzo Cerami.

Il decennio si apre con il delitto Casati: la storia del marchese che uccide la moglie per gelosia prima di suicidarsi. Particolari piccanti ed immagini scabrose segnano la trasformazione del comune senso del pudore degli italiani.

Poi l’atroce delitto del Circeo con il racconto di Donatella Colasanti, la ragazza sopravvissuta e ritrovata nel cofano di un’auto abbracciata al cadavere della sua amica Rosaria Lopez. Questo caso rappresenta uno spartiacque per quanto riguarda la violenza sessuale, allora ancora un reato contro la pubblica morale e non contro la persona e contribuisce a rompere il muro del silenzio.

Il terzo caso è quello dell’omicidio di Pier Paolo Pasolini. A confessare il delitto il giovane Pino Pelosi. Per molti si tratta dunque di un omicidio a sfondo sessuale ma restano molti dubbi.

Infine il caso di Renato Vallanzasca, il bel Renè. Furti, rapine, sequestri, omicidi e storie d’amore sullo sfondo di una Milano ricca e scintillante.

Chiude la puntata, come di consueto, l’editoriale di Paolo Mieli.

Rai.it

Siti Rai online: 847